STEP 3 verso la nLPD: il piano di azione e la gap analysis


Parole chiave del terzo step sono gap analysis e coinvolgimento lavoratori: passaggi fondamentali per gli aggiornamenti e implementazioni della privacy policy.


Siamo arrivati alla terza tappa della nostra Road Map verso la nLPD.

Con la gap analysis entriamo nel concreto e nel vivo delle aziende. L’obiettivo è quello di coinvolgere i dipendenti, collaboratori e renderli consapevoli che sono parte di un processo, che trattano dati personali e che devono allinearsi anche loro in prima persona alla normativa ed esserne a conoscenza.

Lo scopo è quello di scovare le criticità e trovare delle azioni di miglioramento. Come fare?

In primis svolgere un’analisi delle misure di sicurezza già presenti in azienda, successivamente se necessario adottarne di nuove per il miglioramento interno ed infine, non meno importante investire nella formazione.

La formazione ha un ruolo di primaria importanza all’interno delle aziende, questo perché garantisce consapevolezza rispetto alla sicurezza adeguata ai dati personali e conoscenza delle norme e il rispetto di quest’ultime.

Scopri nel dettaglio i punti chiave della terza tappa riguardando la Live che ha visto protagonisti la nostra Country Manager Roberta De Giusti e il nostro Legal Compliance Officer Gianfanco Valsecchi.

Condividi:

Altri eventi