Privacy 2030: il modello ticinese per la sanità

Un nuovo appuntamento con Privacy Desk Suisse è andato in onda in data 21 ottobre 2021.

Ospite della live, con chiave di lettura Svizzera, è Baroum Mrad Georgis DPO dell’Ente Ospedaliero Cantonale. Al centro il rapporto tra salute, sicurezza dei dati e privacy, un tassello fondamentale in tutti gli aspetti della vita quotidiana.

Il cuore del progetto che viene proposto dal suo ideatore Baroum Mrad Georgis è proprio privacy e sanità, due ambiti che si incontrano e uniscono.

Privacy e sanità: un punto di incontro

Privacy 2030, progetto unico nel suo genere, realizzato da EOC (Ente Ospedaliero Cantonale del Ticino) è disegnato per definire delle best practice innovative e rivoluzionarie nella gestione dei dati personali nel settore sanitario.

Il progetto, che prenderà forma anche grazie all’entrata in vigore della nuova LPD prevede di rivoluzionare la gestione dei dati anche attraverso il supporto delle nuove tecnologie.

L’EOC si è mosso in anticipo rispetto a moltissimi altri stati, già prima dell’entrata in vigore del GDPR, realizzando un suo percorso strutturato e un servizio dedicato alla privacy e alla data protection collegato all’argomento sanità punto chiave.

Sappiamo che nel giro di pochi mesi, la pandemia COVID-19 ha cambiato il modo di lavorare, di socializzare e di pensare, incidendo su quasi tutti gli aspetti dell’economia e della società.

Anche il modo in cui viene concepita la privacy e l’importanza che attribuiamo alla protezione dei dati personali è stata fortemente influenzata da questo evento rivoluzionario. Poiché ha messo in prospettiva altri diritti fondamentali che fino ad allora non avremmo mai accettato di vedere limitati da misure statali. La pandemia ha richiesto un bilanciamento tra privacy, salute e sicurezza.

Ambito sanitario e intelligenza artificiale

La correlazione tra sanità e intelligenza artificiale è stata analizzata e presa in considerazione dalla road map del progetto Privacy 2030. Bisogna però ricordare che la sanità ha una digitalizzazione molto più lenta rispetto ad altri settori, quali quello finanziario o bancario.

La necessità di dati strutturati in ambito sanitario è ormai conosciuta. Il progetto di EOC prevede di portare il dato, a partire dalla sua raccolta, ad essere inserito in una vera e propria struttura complessa fatta di database tecnologicamente avanzati basati sull’intelligenza artificiale (Artificial Intelligence – AI).

La costruzione dell’Intelligenza Artificiale nell’ambito sanitario è di primaria importanza perché rappresenta un aiuto per le diagnosi, le attività predittive e prescrittive e porta dunque un valore aggiunto al processo di gestione del dato.

Il progetto Privacy 2030 è un grande passo verso una connessione evoluta tra privacy e sanità. Possiamo quindi definirlo uno sguardo al futuro.

In questo video, Matteo Colombo – socio fondatore di Privacy Desk Suisse – ha intervistato Baroum Mrad – DPO dell’Ente Ospedaliero Cantonale – per scoprire i dettagli del progetto Privacy 2030.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Altri eventi